top of page

Rivelazioni private e Sindone di Torino


In diverse conferenze di quest'anno e nei gruppi dei social media, mi è stato chiesto come conciliare le contraddizioni tra la Sindone e varie rivelazioni private, in particolare quelle di Ana Catherina Emerick e di Maria Valtorta. Mi colpisce il fatto che molti mettano queste rivelazioni sullo stesso piano della rivelazione dei Vangeli. Inoltre, le usano come argomento per ammettere o rifiutare l'autenticità o meno della Sindone (se abbia avvolto o meno Gesù di Nazareth).

Cercando queste rivelazioni su internet, sono rimasto stupito nel vedere un gran numero di pagine che le esaltano come una verità rivelata (in alcuni casi addirittura al di sopra del Vangelo) e le considerano un autentico dogma di fede.

Non intendo valutare se queste rivelazioni siano autentiche o meno. Non spetta a me ma alla Chiesa fare questo discernimento. Ma è necessario chiarire alcuni concetti su questo argomento:

-La rivelazione di Dio si è pienamente realizzata in Gesù Cristo e Dio non ha bisogno di "modificare" gli allegati attraverso rivelazioni mistiche.

-Tali rivelazioni non sono mai dogmi di fede e quindi non obbligano nessun cristiano ad accettarle, indipendentemente dalla loro autenticità o meno.

-Una rivelazione privata è vincolante solo per chi la possiede e sarà la vita di santità a rivelare l'origine di queste rivelazioni.

-È necessario essere molto prudenti quando entrano troppo nei dettagli e danno troppe notizie. E si riferiscono al giudizio della Chiesa.

-Non possono in alcun modo contraddire la rivelazione divina, né completarla, tanto meno correggerla. La loro funzione è quella di essere un aiuto alla fede. Sono un valido aiuto per vivere meglio il Vangelo, ma non obbligano nessuno.

-San Giovanni della Croce ci dice: "Infatti, dandoci il suo Figlio, che è il suo stesso Verbo, che non ne ha altri, ci ha parlato di tutte le cose insieme e in una volta sola in questa unica Parola". Perché ciò che prima aveva detto in parti ai profeti, ora lo ha detto tutto, dandoci il tutto, che è il suo Figlio. Perciò chi ora volesse chiedere a Dio, o desiderasse qualche visione o rivelazione, non solo sarebbe stolto, ma farebbe torto a Dio, non ponendo gli occhi interamente su Cristo, non desiderando altro o qualcosa di nuovo" (Salita al Monte Carmelo, II, 22)" (Salita al Monte Carmelo, II, 22).


Che dire delle stimmate sui palmi delle mani e di altri punti relativi alla Passione che oggi sappiamo essere storicamente avvenuti in modo diverso? Dio è Maestro e, come tale, si adatta a noi. Quando ci si avvicina all'Antico Testamento, si scopre un Dio che insegna, aiutando l'uomo a camminare passo dopo passo, aprendogli la mente e il cuore, con grande pazienza e amore, per ricevere il culmine della sua rivelazione: Gesù Cristo. E si adatta alle categorie mentali dell'uomo, come un maestro di scuola elementare fa con i suoi alunni più piccoli.

Uno stigma sul polso e non sul palmo sarebbe un segno di Dio per San Francesco? Qualcuno di secoli fa avrebbe inteso la corona come un elmo invece che come un diadema, come abbiamo tutti noi nella nostra mente, o la croce solo come il patibulum? ... E così è per tanti "errori storici e scientifici" che troviamo nelle rivelazioni private. Troviamo persino contraddizioni tra di esse in materia geografica, scientifica o storica.

Il fatto che la Sindone non sia conforme alla mentalità e alle conoscenze di una particolare epoca storica è il miglior segno della sua autenticità. Il fatto che l'uomo della Sindone e il suo sangue siano di una perfezione sorprendente ci fa capire che non può essere stata fatta da nessuno in un'epoca specifica... perché non si adatta a nessuna ed è presente in tutte.

Il fatto che, da un punto di vista scientifico, la Sindone contraddica molte di queste rivelazioni è una prova evidente della sua autenticità. Non rientra in nessuna categoria mentale umana. È semplicemente un'immagine sconcertante, un'impossibilità scientifica dal punto di vista umano.

La Sindone è semplicemente lì. È un testimone silenzioso della storia. Forse il momento più importante, sorprendente, sconcertante e fondamentale della storia.


Buona Pasqua


Ignacio Huertas Puerta, delegato CESAN.

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page