top of page

La Cappella della Sindone, parte 2

In questa seconda parte dell'articolo di Ignacio Huertas approfondiremo la storia e il simbolismo della Cappella che ospita la Sindone da oltre 300 anni. Questo articolo fa parte del nostro omaggio a Guarino Guarini, nel 400° anniversario della sua nascita.



2) Storia


Nel 1576 un'epidemia di peste devastò Milano e altre città del nord Italia. Il cardinale arcivescovo Carlo Borromeo fece voto di recarsi in pellegrinaggio a piedi a Chambéry, alla Saint Chapelle, per venerare la Sindone se la città fosse stata risparmiata dalla malattia. Quando Emanuele Filiberto di Savoia[1] venne a conoscenza del voto di Carlo Borromeo, ordinò il trasferimento della capitale a Torino. Lo scopo era quello di ingraziarsi il cardinale, una delle figure più importanti della Controriforma, e di allontanare la Sindone dagli Ugonotti, che volevano distruggerla.

La fine della peste arrivò nel 1578 e la Sindone fu trasferita a Torino. Fu spostata per vie secondarie per evitare gli Ugonotti che, venuti a conoscenza del trasferimento, avevano dichiarato l'intenzione di impadronirsene e distruggerla. All'ingresso della città fu accolta con grande sfarzo e accompagnata in solenne processione fino al palazzo ducale. L'11 ottobre fu fatta un'ostensione davanti a San Carlo Borromeo, che il giorno prima aveva compiuto il suo voto a Santa Maria in Praesepe[2].

Il testamento di Manuel Filiberto prevedeva che venisse costruita una cappella per ospitare la sindone, dove potesse essere venerata con "dignitosa pompa", e che fosse interamente finanziata con le elemosine raccolte durante il suo funerale. Nel frattempo, la sindone rimase nella cappella dei Santi Stefano e Caterina, sul lato sinistro della cattedrale[3].

Per la custodia della Sindone furono prese in considerazione due opzioni: costruire uno spazio indipendente con annesso convento per garantire la liturgia o costruire un altare sotto il transetto della cattedrale. In questo caso, la sua grandezza doveva essere proporzionata all'importanza della reliquia. Pellegrino Tibaldi[4], l'architetto capo di Carlo Borromeo, fu consultato. Tramite lui, Borromeo fece pressione su Carlo Emanuele I, duca di Savoia, affinché non lasciasse la Sindone nella Cappella Palatina (accessibile a pochi) ma la collocasse in un luogo pubblico dove potesse ricevere il culto e la venerazione dei fedeli. A tal fine, Tibaldi progettò un altare provvisorio nel presbiterio. Ma non appena Borromeo lasciò Torino nel 1584, Tibaldi scomparve dalla scena e la Sindone dovette essere collocata in una costruzione molto provvisoria. Si trattava di un'edicola sostenuta da quattro colonne di legno tinte di blu e ornate da angeli dorati che sostenevano un baldacchino.

Sebbene dovesse essere un luogo temporaneo, rimase in piedi per 83 anni. Fu necessario sostituire il legno con un grande altare con base in pietra, quattro enormi colonne di marmo nero provenienti da Frabosa (vicino a Torino) e una complessa struttura in legno.

Carlo Emanuele incaricò l'ingegnere Ascanio Vitozzzi e Carlo di Castellamonte di progettare una cappella ellittica tra il palazzo ducale e la cattedrale. La sua collocazione, sopraelevata rispetto alla cattedrale, ribadiva la posizione di Casa Savoia rispetto ai due poteri e rendeva evidente la sua approvazione divina come custode della resurrezione di Cristo. Tuttavia, dopo 14 anni, nel 1624 erano state gettate solo le fondamenta e parte delle mura, e nessun progresso fu fatto durante la reggenza di Vittorio Amedeo I o durante quella della sua vedova, Maria Cristina di Borbone-Francia[5].

Fu Carlo Emanuele II che, nel 1657, liberò l'opera grazie alle pressioni del cardinale Maurizio, zio del duca, che, memore dell'incendio del 1532, temeva un nuovo incendio. La direzione dei lavori fu affidata a Bernardino Quadri[6]. Fu scelto un tempio a pianta circolare che si elevava di diversi metri rispetto alla cattedrale. Questo avrebbe permesso una vista privilegiata dall'interno della basilica attraverso una finestra che sarebbe stata ottenuta demolendo l'abside. L'accesso sarebbe avvenuto attraverso due scale con enormi portali di marmo nero, uno in salita e l'altro in discesa per una migliore organizzazione dei fedeli. La famiglia ducale sarebbe entrata attraverso un portale situato al primo piano del palazzo. L'idea era quella di costruire una cupola che superasse in altezza e bellezza quella rinascimentale della cattedrale. Nel 1666, poco dopo l'inizio dei lavori, Quadri fu sollevato dall'incarico. Nel 1668 gli successe il sacerdote teatino Guarino Guarini, arrivato a Torino due anni prima per la costruzione della chiesa di San Lorenzo.

Dato lo stato avanzato dei lavori, Guarini dovette mantenere l'impianto originale, pur adattandolo al proprio linguaggio architettonico. Rafforzò le pareti, che erano troppo sottili, e rivoluzionò il resto del progetto, soprattutto la cupola. Nelle lesene aggiunse un simbolismo legato alla Passione, dando un nuovo linguaggio al capitello corinzio. Al posto delle foglie d'acanto e delle volute, inserì rami d'ulivo, una corona di spine e una passiflora da cui spuntano tre chiodi e il Titulus Crucis. Nella cupola, convertì i quattro pennacchi originari in tre, inscrivendo un triangolo all'interno della pianta circolare. Con le modifiche apportate, chiarì di voler eliminare i progetti precedenti. La sua idea era di erigere una struttura a torre che evocasse un'ascesa verso l'infinito.

Per alleggerire il peso della cupola, aggiunse tre grandi archi e aprì sei finestre circolari nei pennacchi, dove la luce penetra con grande effetto teatrale. La cupola è una delle opere più ardite e complesse dell'intero periodo barocco europeo. La struttura si erge come un tamburo conico troncato da tre grandi archi su cui poggia un tamburo con sei grandi finestre[7]. La parte esterna ha un profilo ondulato che le conferisce un'atmosfera orientale. La cupola è come un cesto composto da trentasei archi a gradini. All'interno è sormontata dalla colomba che simboleggia lo Spirito Santo, mentre all'esterno è sormontata da una croce con i simboli della Passione.

Il 24 ottobre 1679 la cupola fu completata e il 12 maggio 1680 Guarini celebrò la Messa inaugurale consacrando la cappella al culto divino. Officiò su un altare di legno perché i lavori non erano terminati. Tre anni dopo Guarini morì, lasciando la sua opera incompiuta.

Nel 1685 il livornese Donato Rosetti fu incaricato di proseguire i lavori. Morto l'anno successivo, fu sostituito da un suo allievo, Antonio Bertola, che completò l'opera e progettò l'altare reliquiario.

Nel 1694 la costruzione della cappella si concluse, dopo un secolo di lavori, con la collocazione del sudario all'interno dell'altare.


c) Il lavoro


Esternamente si tratta di un edificio quadrato collegato sia alla cattedrale che al palazzo reale. Alla sua base si trova un tamburo poligonale in mattoni con sei grandi archi finestrati, incorniciati da pilastri e protetti da un tetto che poggia sugli archi. Il tetto della cappella è sostenuto da costoloni su cui sono montate urne di pietra. Tra i costoloni emergono linee dolcemente arcuate in stile orientale, che consentono numerose aperture semicircolari, fino alla sommità della cupola. La cupola è un piccolo tamburo circolare con una finestra e una struttura telescopica. L'insieme crea l'illusione di una maggiore altezza.

All'interno troviamo tutto il linguaggio espressivo del Guarini. Ai lati dell'altare maggiore si trovano due portali in marmo nero che conducono a due scale scure. Alla fine delle scale si trovano due vestiboli circolari delimitati da tre gruppi di colonne di marmo nero.

Al centro della pianta circolare della cappella si trova l'altare reliquiario. La cappella ha cinque cappelle laterali, di cui quella centrale funge da abside e da vertice di un triangolo equilatero.

Il pavimento presenta un disegno in marmo bianco e nero, mentre le stelle di bronzo incorniciate nel marmo bianco riflettono la luce. Il prospetto della cappella è segnato da pilastri, collegati a coppie da tre grandi archi che delimitano i pennacchi sotto la cupola[8].

La cupola è una delle caratteristiche più importanti e affascinanti della cappella. Guarini ne ha utilizzato la struttura per creare un'illusione ottica. La sua conoscenza della geometria e della matematica gli permise di creare queste superbe strutture[9].

La cupola è divisa in sei strati e, man mano che si alza, l'altezza tra gli strati diminuisce, creando un effetto ottico di distanziamento. Per Guarini le volte sono una parte fondamentale della costruzione, la più complessa da progettare e realizzare[10].

Guarini progetta una struttura scheletrica costituita da una rete di cellule spaziali indipendenti che si intersecano attorno a un unico punto di appoggio basato su un esagono, prendendo come simbolo il 6, il numero di giorni che Dio ha impiegato per creare. Guarini mostra chiaramente il suo concetto di architettura come organismo vivente, in costante movimento, generato dall'incontro di spazi indipendenti e forme pure che, concatenandosi, si influenzano reciprocamente, dando vita alla struttura.

Sebbene non appaia particolarmente alto dall'esterno, se visto dall'interno dà l'impressione di una maggiore altezza. Questo perché Guarini gioca con tre elementi: geometria, luce e colore.

Diminuendo la larghezza degli archi man mano che si alzano, si sviluppa una struttura telescopica che crea l'illusione ottica di una maggiore profondità, dando l'impressione di una maggiore altezza.

Il gioco di luci è eseguito magistralmente. Più la luce è intensa, meno l'occhio riesce a distinguere i contorni di un oggetto e più questo viene percepito come lontano. Per questo motivo, il tamburo e la cupola filtrano la luce attraverso numerose aperture e, man mano che si scende in altezza, entra meno luce. Per aumentare questo effetto, il marmo dell'intradosso non è stato lucidato, ma solo levigato.

Seguendo i canoni leonardeschi in termini di colore (un colore appare più scuro quanto più si avvicina e più chiaro quanto più si allontana), le due scale e la base della cappella sono prevalentemente in marmo nero, mentre man mano che si sale viene utilizzato il marmo grigio[11].

Il numero 3, già apparso più volte, si riferisce ai tre giorni di permanenza di Gesù nel sepolcro. Questo è il significato delle tre colonne nei vestiboli. Ma evoca anche la Trinità. Così, i tre grandi archi che sostengono la cupola, o i tre pennacchi[12].

Come si può notare, gli elementi simbolici sono abbondanti: sugli architravi dei tre grandi archi, i chiodi alternati a rami d'ulivo rimandano alle sofferenze di Cristo. Sui tre pennacchi, le croci greche e di Gerusalemme alludono al mistero della redenzione. Gli esagoni e le stelle a sei punte simboleggiano la creazione e il nono cielo (l'Empireo, come dicevano gli antichi, alludendo alle sfere concentriche che lo formano). Risalendo il tamburo, al livello successivo, Guarini ha ulteriormente alleggerito la struttura introducendo un camminamento interno anulare e sei enormi finestre ad arco, da cui la luce penetra in quantità, provocando effetti teatrali con la luce. Sui pennacchi della cupola, il pentagono che si delinea evoca le cinque piaghe della croce[13].

La luce che entra è un simbolo della luce onnipresente e onnipervadente di Dio. È il passaggio dalle tenebre alla luce. Entrare nella scala di marmo nera e scura significa entrare nella morte, nella tomba. Ogni scala ha 33 gradini, l'età di Cristo. Il vestibolo introduce al mistero della morte e, entrando nella cappella, lo spettatore viene spinto verso l'alto, passando dall'oscurità che circonda tutto il primo livello e salendo gradualmente attraverso una luce che culmina in un'esplosione luminosa nella visione della lanterna, dove troviamo lo Spirito Santo. Attraverso l'architettura, i giochi di luce, i neri e i grigi, Guarini ci introduce all'esperienza della morte e della resurrezione. Per venerare la Sindone, dobbiamo camminare con Cristo, attraverso la sua vita (saliamo le scale), fino a raggiungere il Calvario, il centro della morte. Qui, i marmi neri ci ricordano la morte e il peccato e ci conducono nella tomba di Gesù. Ma poi la luce ci invita ad alzarci, a guardare in alto e a lasciarci trasportare per incontrare lo Spirito Santo, lo Spirito di Vita e di Amore che completa l'opera. È entrare nei misteri della passione, morte e risurrezione.

I capitelli bianchi[14] delle lesene sono decorati con i simboli della Passione, la corona, il Titulus crucis e una passiflora con tre chiodi.

L'altare fu progettato da Antonio Bertola. Tenendo conto della pianta circolare, egli progettò un altare con due lati, uno rivolto verso la cattedrale e l'altro verso il Palazzo Ducale, sollevato da sei gradini. La sua centralità è sottolineata dal disegno del pavimento, costituito da cerchi concentrici composti da stelle in ottone dorato incastonate in croci greche di marmo grigio. Il corpo dell'altare è in marmo nero arricchito da varie decorazioni e illuminato da quattro lampade. Nella parte centrale, in un'urna di vetro con una grata di ferro dorato, era conservato il reliquiario cinquecentesco in argento e pietre dure, che conteneva la Sacra Sindone. Sopra la balaustra erano appesi otto putti in posizione orante o sconsolata, alcuni dei quali portavano i chiodi della Passione[15].

Nella prima metà del XIX secolo la cappella fu decorata con le statue dei grandi personaggi di Casa Savoia, commissionate dal re Carlo Alberto. Esse raffigurano il duca Amadeo VIII, Manuele Filiberto, Carlo Emanuele II e il principe Tommaso di Savoia-Carignano, capostipite del ramo della famiglia che sarebbe salito al trono italiano[16].

Il 4 maggio 1990, un frammento di marmo si staccò dal cornicione della cupola. Questo evento portò all'inizio dei lavori di restauro della cappella tre anni dopo. Proprio mentre stavano per essere completati, la notte dell'11 aprile 1997, scoppiò un incendio che, insieme ai getti di acqua gelata, causò enormi danni. Dopo 28 anni di chiusura al pubblico e 21 anni dopo l'incendio, è stata riaperta nel 2018, anche se non ospita più la Sindone. Per questo motivo, è rimasta all'interno dei Musei Reali. Nell'aprile 2021 è stato completato il restauro dell'altare e si è concluso quello della cappella.


 Bibliografia.

BARNARDI FERRERO, D. DE, «Chiese longitudinali del Guarini», en Guarino Guarini e l’internazionalità del barocco, Accademia delle scienze, Torino 1970.

CHUECA GOITIA, F., «Guarini y el influjo del barroco italiano en España y Portugal», en Guarino Guarini e l’internazionalità del barocco, Accademia delle scienze, Torino 1970.

DARDANELLO, G. - KLAIBER, S. – MILLON, H. A., Guarini, Ed. Umberto Allemandi, Turin 2007.

GRITELLA, G., «L'architettura barocca e le nuove sfide del costruire», en Il Contributo italiano alla storia del Pensiero, Tecnica 2013, en https://www.treccani.it/enciclopedia/l-architettura-barocca-e-le-nuove-sfide-del-costruire_%28Il-Contributo-italiano-alla-storia-del-Pensiero:-Tecnica%29/

GUARINI, G., Architettura civile 1683, introducción de N. CARBONERI, notas y apéndice de B. TAVASSI LA GRECA, ed. Il Polifilo, Milán 1968, p. XVII-XVIII.

G. GUARINI, Architettura civile, ed. por Gianfrancesco Mairesse, Torino 1737.

GUARINI, G., Dissegni d’architettura civile et ecclesiastica, ed. por herederos de Gianelli, Torino 1686.

GUARINI, G., Modo di misurare le fabriche, Herederos de Gianelli, Turín 1674.

GUARINI, G., Placita Philosophica ... physicis rationibus, experientiis, mathematicisque figuris ostensa, Dionysium Thierry, Paris 1665.

MARCONI, N., «Guarini, Guarino», en Dizionario biografico degli italiani, vol. 60, Istituto della Enciclopedia italiana, Roma 2003.

MARCONI, P., «Guarino Guarini ed il Gotico», en Guarino Guarini e l’internazionalità del barocco, Accademia delle scienze, Torino 1970

Mazziotti, A. - Brandonisio, G. - Lucibello, G. – De Luca, A., «Structural Analysis of the Basket Dome in the Chapel of the Holy Shroud by Guarino Guarini175, en International Journal of Architectural Heritage, 11:3 (2017).

MEEK, H. A., Guarini, Electa, Milan 1991.

 MEEK, H. A., Guarino Guarini and His Architecture, Yale University Press, London 1988, p. 5-8.

MERLIN, P., Manuel Filiberto. Duque de Saboya y General de España, Ed. Pasado vivo, Madrid 2008.

N. CARBONERI, N., «Bertola, Antonio», en Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 9, Istituto della Enciclopedia italiana, Roma 1967.

Registro delle spese della Fabrica et marmi cominciato nel 1657, Sezioni riunite, art. 197, en Archivio di Stato di Torino, en https://www.archiviodistatotorino.beniculturali.it/

ROCA DE AMICIS, A., «Notizie su Guarino Guarini nell'Archivio Generale dei Teatini», en Regnum Dei, CXX (1994).

SANCHO GASPAR, J. L., Fillipo Juvarra, Real Academia de la Historia, en https://dbe.rah.es/biografias/15496/filippo-juvarra

SCIOLLA, G. C., «Note sul «Trattato di fortificatione» del Guarini», en Guarino Guarini

SCOTT, J. B., «Guarino Guarini's Invention of the Passion Capitals in the Chapel of the Holy Shroud», en Journal of the Society of Architectural Historians, Vol. 54, No. 4 (Dec, 1995).

SCOTT, J. B., Architecture for the Shroud: Relic and Ritual in Turin. University of Chicago Press, 2003.

TAMBURINI, L., «La chiesa dell’Immacolata Concezione di Torino», en Guarino Guarini e l’internazionalità del barocco, Accademia delle scienze, Torino 1970.

TIRABOSCHI, G., Biblioteca modenense, Modena 1783, III, s. V.

VÁZQUEZ LÓPEZ, E., Teoría e historia de la arquitectura, en https://t5eduardovazquez.wordpress.com/2017/02/14/guarino-guarini/


Notas

[1] Nato nel 1528, passò il suo governo recuperando i territori persi per mano di francesi e spagnoli. Trasferì la capitale di Chambéry a Torino. Per approfondire il personaggio, si veda P MERLIN, Manuel Filiberto. Duca di Saboya e Generale di Spagna, Ed. Pasado vivo, Madrid 2008.

[3]Cfr. Ibidem

[4] Para profundizar sobre su figura, ver D.G.L., Pellegrino Tibaldi, en Enciclopedia del Museo del Prado, https://www.museodelprado.es/aprende/enciclopedia/voz/tibaldi-pellegrino/2f7141fc-7c75-40fc-8fc7-2926c0c43192

[5] Cfr. F SURFARO, o.c.

[6] Gli interventi di Bernardino si possono trovare negli Archivi Statali di Torino, in un registro che riporta le notizie dal 1657 fino al 30 giugno 1666 (Registro delle spese della Fabrica et marmi iniziato nel 1657, Sezioni riunite, art. 197).

[9] Para una análisis más técnico de la cúpula, ver, A. Mazziotti, - G. Brandonisio, - G. Lucibello - A. De Luca, "Structural Analysis of the Basket Dome in the Chapel of the Holy Shroud by Guarino Guarini175, en International Journal of Architectural Heritage, 11:3 (2017), p. 324-338.

[10]G. GUARINI, Architettura civile, ed. por Gianfrancesco Mairesse, Torino 1737, pp. 183ss.

[11] Cfr. F. SURFARO, o.c.

[13] Cfr. F. SURFARO, o.c.

[14] Sobre los capiteles, ver J.B. SCOTT, "Guarino Guarini's Invention of the Passion Capitals in the Chapel of the Holy Shroud", en Journal of the Society of Architectural Historians, Vol. 54, No. 4 (Dec, 1995), pp. 418-445.

[15] Cfr. F: SURFARO, o.c.

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page