top of page

1° Congresso scientifico sulla Sindone di Torino e il Sudario di Oviedo

Questo interessantissimo congresso si terrà ad Abarán (Murcia - Spagna) il 4 novembre. I cinque relatori sono specialisti di alto livello. Il congresso sarà concluso da Emanuela Marinelli, una vera autorità mondiale in materia.


Gli obiettivi sono:

  1. Analizzare la figura di Gesù di Nazareth da un punto di vista storico.

  2. Descrivere lo sviluppo storico della Sindone di Torino e del Sudario di Oviedo.

  3. Descrivere da un punto di vista forense le ferite che si riflettono su entrambe le tele e che sono legate alla tortura di Gesù di Nazareth secondo i Vangeli.

  4. Determinare la correlazione qualitativa delle due tele in termini di segni che sono duplicati su entrambi gli oggetti e che possono essere candidati ad avere la stessa origine.

  5. Stabilire i livelli di correlazione matematica, lineare e angolare, sulle nuvole di punti simili sulle due tele.


I relatori stessi introdurranno gli argomenti che tratteranno:


Il primo relatore sarà Andrés Brito Galindo, Master Executive Coach. Laureato in Sacra Teologia. Tecnico specializzato in informatica. Produttore di contenuti audiovisivi. Esperto di responsabilità sociale d'impresa. Formatore in Programmazione Neurolinguistica. Docente di Antropologia educativa presso l'Istituto di Teologia per i Laici di Tenerife. Docente di Relazioni internazionali presso l'Università Miguel de Cervantes di Valladolid. Membro di EDICES (gruppo di ricerca del Centro spagnolo di Sindonologia).

La seconda conferenza della mattinata sarà tenuta da Jorge Manuel Rodríguez Almenar, presidente del Centro Nacional de Sindonología. Professore di diritto civile presso l'Università di Valencia. Membro di EDICES (gruppo di ricerca del Centro Spagnolo di Sindonologia) Dottore in Storia dell'Arte. Tesi su "La Sindone e le sue implicazioni storiche e artistiche". Docente collaboratore presso l'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma. Ha curato due mostre itineranti: "La Sindone: un mistero che rimane" e "La Sindone di Oviedo". Ha tenuto quasi 1500 conferenze sulla Sindone, sul Sudario di Oviedo e sul Santo Calice di Valencia.



La mattinata si conclude con una conferenza di Alfonso Sánchez Hermosilla, laureato in Medicina e Chirurgia. Università di Murcia. Specialista in Medicina di Famiglia. Professore di Medicina e Antropologia Forense presso l'Università Cattolica San Antonio (UCAM) di Murcia. Attualmente lavora come medico legale presso l'Istituto di Medicina Legale di Murcia (Subdirección Cartagena), un'agenzia del Ministero della Giustizia spagnolo, dove è anche capo della sezione clinica. Membro della Società spagnola di patologia forense (SEPAF). Membro della Società spagnola di paleopatologia. Membro attivo della Commissione nazionale per lo studio delle armi da fuoco e delle ferite da arma da fuoco. Direttore di EDICES (gruppo di ricerca del Centro spagnolo di Sindonologia), responsabile dello studio e della valutazione medico-legale del Sudario di Oviedo. Vicepresidente della Ricerca e direttore del gruppo di ricerca del Centro spagnolo di Sindonologia. Studioso della Sindone di Torino con particolare attenzione agli aspetti medico-legali e forensi. Membro dell'équipe consultiva internazionale del Centro Internazionale di Studi sulla Sindone. Torino, Italia.



Il pomeriggio inizierà con una conferenza di Juan Manuel Miñarro López: dottore in Belle Arti. Università di Siviglia. Professore presso l'Università di Siviglia. Membro effettivo dell'Accademia Reale di Belle Arti Santa Isabel de Hungría di Siviglia. Ex direttore del Dipartimento di Scultura e Storia delle Arti Plastiche. Insegna le seguenti materie: Geometria descrittiva, Immagine policroma, Modellazione del 2° anno, Procedimenti e tecniche scultoree nella Laurea in Belle Arti, Processi costruttivi della scultura, nella nuova Laurea in Conservazione e restauro dei beni culturali; e la materia Procedimenti scultorei nella nuova Laurea in Belle Arti del piano di studi attuale. Progetti di ricerca: Studio scultoreo dell'Uomo della Sindone di Torino. Ricerca sull'uso della fotogrammetria e sviluppo di un nuovo metodo chiamato sezioni 3D applicato alle procedure di riproduzione scultorea. Ha supervisionato numerose tesi di dottorato su argomenti di sua competenza. Ricercatore del Sudario di Oviedo. Responsabile dello studio della correlazione di informazioni tra il Sudario di Oviedo e la Sindone di Torino. Studioso della Sindone di Torino con particolare attenzione agli aspetti anatomici e membro dell'EDICES (Equipe di Ricerca del Centro Spagnolo di Sindonologia).


L'ultima conferenza sarà tenuta da Pedro Peinado Rocamora, membro di EDICES (gruppo di ricerca del Centro spagnolo di Sindonologia), dottore in Tecnologia dell'educazione. Università di Murcia. Università di Murcia (2018) Professore di Matematica e Metodologia della Ricerca; Coordinatore del Baccalaureato di Ricerca presso l'IES Los Albares (Cieza) Laurea in Amministrazione e Gestione Aziendale. Università di Murcia (2003) Master MBA. ENAE (2003) Master ufficiale in Elearning e reti sociali. Università Internazionale di La Rioja (2013) Membro del gruppo di ricerca DIMACE. Università Internazionale di La Rioja Giner de los Ríos Premio nazionale per la qualità educativa nell'area scientifico-tecnologica secondaria con il progetto "Planting numbers", dal Ministero dell'Istruzione, della Scienza e dello Sport (Spagna) e dalla Fondazione BBVA, 2017. Premio regionale per l'innovazione didattica nella Regione di Murcia. "Ricerca nell'orto didattico". Ministero regionale dell'Istruzione CARM, 2017. Premio nazionale per lo sviluppo di risorse digitali "Materiali matematici online per studenti con difficoltà di apprendimento in 3° e 4° ESO". Ministero dell'Istruzione, della Scienza e dello Sport, 2015.


Alla chiusura del Congresso sarà presente Emanuela Marinelli, il cui curriculum è molto vasto: laureata in Scienze Naturali nel 1973 e in Scienze Geologiche nel 1977 presso l'Università di Roma "La Sapienza", ha frequentato due corsi di specializzazione presso l'Università di Roma "Tor Vergata" ed è abilitata all'insegnamento di Matematica, Scienze Naturali, Chimica e Geografia. La sua prima tesi sperimentale Uraninite, Pechblenda e Gomite: studio termico e diffrattometrico in relazione al rilascio di Radon ha suscitato molto interesse e per questo è stata chiamata a lavorare dal 1974 al 1975 con un contratto biennale presso l'Istituto di Mineralogia dell'Università di Roma "La Sapienza". Nell'ottobre 1975, durante una campagna di scavo nei pressi di Roma in occasione del XXIX congresso della Società Italiana di Mineralogia e Petrologia, scopre una mandibola di un Palaeoloxodon antiquus. Lo studio di questo reperto è alla base della seconda tesi sperimentale: Due località laziali con interessanti resti di Palaeoloxodon antiquus, con la quale si laurea con lode nel 1977. Dopo aver completato gli studi universitari, ha insegnato geografia per 36 anni nelle scuole secondarie pubbliche.

Dal 1977 ha scritto 21 libri sulla Sindone di Torino (alcuni tradotti in diverse lingue), oltre a numerosi articoli su argomenti sindonici in riviste e giornali, sia popolari che specializzati.

Ha tenuto circa 5000 conferenze sul tema della Sindone in varie parti d'Italia e in molti Paesi stranieri e ha partecipato a diversi congressi sulla Sindone di Torino.

Dal 1977 è membro del Centro Romano di Sindonologia dove è anche docente. Nel 1987 ha ottenuto il Diploma di Catechista specializzato in Catechesi della Passione presso il Vicariato di Roma. Dal 1987 al 2008 ha partecipato come docente a numerosi corsi di aggiornamento per insegnanti di religione cattolica.

Dal 1998 al 2000 ha insegnato Iconografia, Iconologia e Simbologia cristiana presso la sede di Orvieto (Terni) della LUMSA (Libera Università Maria Santissima Assunta) e nel 2001 ha insegnato Sindonologia presso la cattedra di Storia romana della sede romana della LUMSA. Dal 2010 al 2012 ha tenuto lezioni sull'iconografia di Cristo e della Sindone presso l'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma nell'ambito del Diploma di Specializzazione in Studi Sindonici.

È stata una delle forze trainanti del movimento Collegamento pro Sindone fin dalla sua fondazione (1985), dell'omonimo periodico bimestrale, pubblicato dal 1985 al 2000, e del suo sito web, fondato nel 1997.

È stata coordinatrice del Comitato organizzativo del Congresso mondiale della Sindone 2000 (Orvieto, 27-29 agosto 2000) e curatrice, insieme al Prof. Angelo Russi, della pubblicazione dei relativi Atti (Gerni Editori, 2002).

Collabora con la ONG Observo Onlus per il progetto Kwauso School a Bukoba (Tanzania) e devolve a questo progetto il ricavato della vendita dei suoi libri.



262 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page